Tag: News

Approvato il bilancio 2023: risultati oltre le aspettative

Fondazione Musica per Roma ha chiuso un brillante 2023 in termini di fatturato superando per la prima volta nella sua storia quota 30 milioni e attestandosi a oltre € 32 milioni (+13% rispetto al 2022), con le vendite da biglietteria cresciute di oltre il 25%, a testimonianza del grande successo di pubblico che ha sfiorato il mezzo milione di spettatori per un totale di oltre € 13 milioni di incasso. 

La Fondazione ha registrato inoltre una crescita complessiva del valore delle produzioni – pari complessivamente all’11,9% (+11% Auditorium, +21% Casa del Jazz) – conseguenti a un +13% di eventi realizzati nelle sedi proprie e un +12% in sedi terze per un totale di oltre 1.200 eventi nel 2023 (+14% rispetto al 2022). In particolare, i due grandi festival estivi hanno entrambi battuto i record assoluti di presenze che erano stati raggiunti nel 2022: Roma Summer Fest, all’Auditorium, ha superato le 170 mila presenze con un aumento del 18% rispetto all’anno precedente, mentre Summertime alla Casa del Jazz ha potuto contare su quasi 24 mila spettatori, il 9% in più rispetto all’anno precedente: un risultato di crescita con un aumento complessivo di spettatori del 21% e analogo incremento delle produzioni in sede.

Il tasso di autofinanziamento per il 2023 si è attestato al 71,49% e rappresenta il valore più alto mai raggiunto dalla Fondazione superando il precedente di circa 3,5 punti percentuali. Tale incremento testimonia ancora una volta come la Fondazione sia capace di bilanciare adeguatamente l’attività commerciale (4,8% del totale) con la propria mission di diffusione della cultura musicale e artistica, le cui attività costituiscono il 95,2% del totale.

Primo Report di Sostenibilità

Nel corso del 2023 la Fondazione Musica per Roma ha realizzato il suo primo Report di Sostenibilità, volto a rendicontare e a raccontare pubblicamente l’impegno della Fondazione per il perseguimento degli obiettivi di sostenibilità, posti dall’Agenda Onu. In coerenza con i principi fissati da UNESCO, attraverso Culture 2030, per mettere in luce il ruolo cruciale della cultura, le azioni volte alla Sostenibilità messe in essere dalla Fondazione si articolano lungo tre direttrici: l’impegno per la comunità, l’impegno per le persone e l’impegno per l’ambiente, tracciando per ciascuno di esse un percorso da compiere fino al 2030 e ponendo un primo fondamentale obiettivo per giungere nel 2025 al Bilancio di Sostenibilità. 

Come recentemente confermato dal Protocollo di Intesa firmato con ASviS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, la strategia di sostenibilità della Fondazione punta in particolare all’educazione delle giovani generazioni per contribuire a un futuro più sostenibile e a far sì che gli spazi gestiti diventino veri luoghi d’incontro aperti a tutti, generando all’interno della comunità un vero e proprio senso di appartenenza.

Daniele Pittèri, Amministratore Delegato della Fondazione Musica per Roma, commenta: «Un anno davvero importante, il 2023, per la Fondazione Musica per Roma, a testimonianza di come l’impegno nella direzione dell’innovazione abbia consentito il perseguimento degli importanti traguardi fissati dal nostro piano industriale. La programmazione dei festival artistici ha coniugato grandi nomi internazionali e artisti emergenti, mentre quella dei festival culturali ha richiamato l’attenzione sulla trasversalità della cultura, abbracciando diversi ambiti, dalla letteratura alle scienze fino alla rigenerazione urbana. I risultati danno prova che un’offerta culturale di qualità calibrata su diversi pubblici è premiante, che attraverso di essa l’Auditorium Parco della Musica e la Casa del Jazz si qualificano sempre di più come luoghi unici nel panorama culturale e che la nostra città è un laboratorio di rilievo internazionale per l’innovazione in ambito culturale».

Città in Scena, la seconda tappa del 2024 sarà a Siracusa

Città in Scena arriva per la prima volta in Sicilia, a Siracusa la seconda tappa dell’edizione 2024 del primo Festival diffuso della rigenerazione urbana che si terrà il prossimo 15 maggio a partire dalle ore 10, presso la Sala Ipostila del Castello Maniace.

Promosso da Ance, Associazione Mecenate 90, Cidac e Fondazione Musica per Roma con il patrocinio di In/Arch, il Festival mette in luce le tante iniziative e i progetti di rigenerazione urbana che attraversano l’Italia per valorizzare e raccontare la forte capacità progettuale delle città italiane, in particolare quelle intermedie, che stanno contribuendo alla trasformazione sostenibile del nostro Paese.

Protagonista di questa tappa sarà una selezione delle innumerevoli iniziative di rigenerazione urbana, concluse di recente o in corso d’opera, in Sicilia. L’evento è organizzato con la collaborazione del Comune di Siracusa, di Ance Sicilia e di Ance Siracusa e la co-organizzazione dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti conservatori della Provincia di Siracusa, dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Siracusa, del Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Siracusa, con il Patrocinio della Soprintendenza per i Beni culturali e Ambientali di Siracusa, e vedrà la partecipazione di rappresentanti di istituzioni, università, progettisti, imprese ed esperti. 

Ad aprire la giornata ci saranno il sindaco di Siracusa, Francesco Italia, il presidente di Ance Siracusa, Paolo Augliera e il Sopraintendente per i Beni culturali e Ambientali di Siracusa, Salvatore Martinez.

I progetti saranno discussi e commentati da Daniele Ronsivalle, Docente del Dipartimento architettura Università degli Studi di Palermo, Ignazio Lutri, Urbanista e Consigliere IN/Arch Sicilia, Imane Benkirane, già Direttrice della Scuola di Architettura, Design ed Urbanismo dell’Università EUROMED di Fes, la Prof.ssa ENAR Ecole Nationale d’Architecture de Rabat, Fausto Carmelo Nigrelli, Docente del Dipartimento DICAR Università di Catania, Stefano Betti, Vicepresidente Ance, Imen Landoulsi, Docente esperto, ricercatore universitario, LARPA, Scuola Nazionale di architettura e di progettazione urbana di Tunisi (ENAU). Interverranno anche il Presidente Confindustria Sicilia, Gaetano Vecchio, l’Assessore del Territorio e dell’Ambiente della Regione Sicilia, Elena Pagana, Il Presidente di Ance Sicilia, Santo Cutrone e il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale, Francesco Di Sarcina

Le conclusioni dei lavori della tappa saranno affidate a un dialogo tra la Presidente Ance Federica Brancaccio, il Segretario generale di Mecenate 90, Ledo Prato e l’Amministratore delegato di Fondazione Musica per Roma, Daniele Pittéri.

L’evento riconoscerà n. 8 CFP agli iscritti all’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti Conservatori della provincia di Siracusa.

Cantamondo di Primavera

Il 25 aprile alle ore 17 al Teatro Tor Bella Monaca il Coro Multiculturare Il Cantamondo si esibirà con il Saggio di Primavera. Il Cantamondo, oggi al suo secondo anno di attività, nasce con un doppio intento:  proporre ai bambini delle diverse zone della città, un corso di formazione al canto corale attraverso lo studio del patrimonio musicale italiano e internazionale e, nello stesso tempo, proseguire e promuovere il loro processo di integrazione con il territorio attraverso la musica. Rispettare, Conoscere e Apprezzare sin da piccoli le tradizioni culturali nostre e altre, vuol dire rappresentarle nei propri spazi per prepararsi ad una società naturalmente aperta verso il futuro.

Partecipano le bambine e i bambini del Coro Multiculturale Cantamondo
della Scuola IC Francesca Morvillo – Tor Bella Monaca,
della scuola IC Melissa Bassi – Tor Bella Monaca,
della Scuola IC Pablo Neruda – Borgata Ottavia,
della Scuola Primaria Grazia Deledda – Tor Pignattara
e di Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone

Maestri del Coro: Francesca Rini e Massimo Sigillò Massara
Coordinatore artistico del progetto: Oscar Pizzo
Cantamondo è una produzione originale di Fondazione Musica per Roma e Opera di Roma con il prezioso contributo di Fondazione YOLK

Città in Scena concorre al Premio CULTURA+IMPRESA

Città in Scena è entrato a far parte della Short List dei Progetti finalisti del Premio CULTURA+IMPRESA2023-2024 per la categoria Sponsorizzazioni e Partnership Culturali. Il Workshop di Premiazione si terrà nella seconda metà di giugno e quest’anno per la prima volta si svolgerà a Torino, Capitale Italiana della Cultura d’Impresa 2024, ospiti di Ersel Management, Main Partner di questa edizione. Il Premio CULTURA + IMPRESA è il riconoscimento voluto da Federculture e The Round Table progetti di comunicazione che dal 2013 seleziona, premia e condivide i migliori progetti culturali realizzati in Italia grazie alle Imprese che con la Cultura comunicano e ottengono benefici in reputazione e competitività.

Torna Città in Scena, prima tappa del 2024 a Trani

Città in scena, Festival diffuso della rigenerazione urbana, torna con la seconda edizione: il primo appuntamento sarà a Trani il prossimo 9 aprile a partire dalle ore 10, presso Palazzo delle Arti Beltrani (Via Giovanni Beltrani, 51). Dopo il successo dell’edizione 2023 tenutasi in Auditorium Parco della Musica a dicembre scorso, Città in scena, promosso da Ance, Associazione Mecenate 90, Cidac e Fondazione Musica per Roma con il patrocinio di In/Arch, riparte dalla città di Trani per mettere in luce le tante iniziative e i progetti di rigenerazione urbana che attraversano la penisola. Il Festival diffuso della rigenerazione urbana intende valorizzare e raccontare la forte capacità progettuale delle città italiane, in particolare quelle intermedie, che stanno mostrando forme e modelli per una trasformazione sostenibile del nostro Paese. Le città si racconteranno in 4 tappe sul territorio per arrivare al grande evento conclusivo a dicembre a Roma. Tra le novità di quest’anno, la collaborazione con il Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale che consentirà di arricchire il Festival di testimonianze e collegamenti con città internazionali a partire da quelle del Mediterraneo.

Sotto i riflettori a Trani ci sarà una selezione delle innumerevoli iniziative di rigenerazione urbana, concluse di recente o in corso d’opera, in Puglia e Molise. L’evento è organizzato con la collaborazione del Comune di Trani e di Ance Puglia, Acem-Ance Molise e Ance Bari e BAT e la co-organizzazione dell’Ordine degli Architetti di Barletta-Andria-Trani, e vedrà la partecipazione di rappresentanti di istituzioni locali, università, progettisti, imprese ed esperti.

Ad aprire la giornata ci saranno il sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, il presidente di Ance Puglia, Gerardo Biancofiore, il presidente Acem Ance Molise, Corrado Di Niro, e il presidente dell’Ordine degli Architetti Barletta-Andria-Trani, Andrea Roselli. I progetti saranno discussi e commentati da Francesca Calace, prof. urbanistica Dipartimento Icar Politecnico di Bari, Chiara Rizzi, prof. Composizione Architettonica e Urbana Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo Università della Basilicata Matera, Luigi De Santis, vicepresidente ANCE Bari e BAT, Sergio Bisciglia, prof. sociologia urbana Dipartimento Icar Politecnico di Bari, Luciano De Bonis, prof. tecnica e pianificazione urbanistica Dipartimento di bioscienze e territorio Università del Molise, Matteo Di Venosa, prof. urbanistica Dipartimento di Architettura dell’Università Chieti- Pescara, Domenico De Bartolomeo, vicepresidente Ance. Interverranno anche il Consigliere regionale delegato al paesaggio e urbanistica, pianificazione territoriale, Assetto del territorio, Stefano Lacatena e l’Assessore regionale ai lavori pubblici del Molise, Michele Marone. Prevista inoltre la partecipazione dell’architetto Arba Baxhaku, Ufficio tecnico della pianificazione e dello sviluppo urbano del Comune di Tirana. 

Le conclusioni dei lavori della tappa saranno affidate a un dialogo tra la presidente Ance Federica Brancaccio eil segretario generale di Mecenate 90, Ledo Prato. L’evento riconoscerà n. 6 CFP agli iscritti all’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Barletta-Andria-Trani.

Mariasole De Pascali si esibirà al Jamboree di Barcellona

Mariasole De Pascali, flautista e performer, presenterà “Fera”, il suo primo lavoro discografico, l’8 marzo 2024 al Jamboree di Barcellona all’interno della rassegna Jazz I Am (il concerto è promosso da Puglia Sound). “Fera” è frutto delle diverse esperienze nell’ambito dell’improvvisazione, della scrittura creativa e delle musiche contemporanee. Senza soluzione di continuità, le composizioni si alternano attorno ad oggetti sonori, impulsi elettrici e comportamenti meccanici, alla ricerca di una breve fosforescenza, un attrito tra sé e uno spazio mobile, lirico ma non retorico, con reminiscenze che vanno dalla musica jazz alla musica da camera, fino al rock. A partire dalle possibilità espressive e compositive del proprio strumento, il lavoro sulla forma si estende ad un’inedita formazione con Giorgio Distante (tromba, tuba ed elettronica), Adolfo La Volpe (chitarre elettriche ed elettronica) e Lucio Miele (batteria, vibrafono e percussioni).

  • 1
  • 2